La famosa “innovazione”

innoInnovazione. Più che un hashtag mentale, un mantra ripetuto all’eccesso da qualsiasi buon proposito ministeriale. In ogni occasione e in ogni settore.

Io lavoro nella scuola e da AD (Animatore Digitale) mi sento sempre un po’ assediato da questo concetto teorico che “agisce” solo quando si “fa” (e non si parla).

In questo preciso momento sto commettendo proprio lo stesso errore, se arrivo a dedicare un post del mio blog a questa parola altisonante (e catatonante). Nessuno è perfetto (per fortuna).

Ho una mia idea sulla faccenda. L’innovazione non può essere introdotta. Va cavalcata. Niente carri, se no, poi, se vinci, dovrai ospitare un bel po’ di viandanti che sono sempre pronti a chiedere un passaggio. In groppa e via, come in un rodeo.

Una volta ammansita la bestia, scendere e fare salire anche chi ti chiedeva il passaggio, per proseguire insieme il viaggio. ma sempre in groppa. [RS]

Che cosa troverete?

digi

Immagine tratta da lentepubblica.it

Care colleghe e cari colleghi,

questo spazio è per noi. Lo scopo del blog, come indicato sommariamente sul frame di destra, è quello di mettere a vostra disposizione materiali utilizzabili a lezione in vista e nella speranza di una metamorfosi digitale più concreta e meno improvvisata. Creerò un sistema di menù entro cui ordinare categorie specifiche, affinché sia più facile per voi trovare in maniera puntuale quanto vi interessi con un ordine tassonomico (i famosi tag). Inoltre il blog coverebbe anche la mira di fungere da diario: fare il punto della situazione sulle esperienze comuni, discutere eventuali questioni e molto altro ancora.

Ma questa pagina essendo in rete è aperta anche a tutte le colleghe e a tutti i colleghi di altre scuole che, una volta capitati da queste parti, abbiano voglia di offrire il proprio contributo anche con un semplice messaggio o commento.

Grazie dell’attenzione e dell’eventuale diffusione. (R.S.)